S. Maria dello Spasimo, Palermo marzo 2003

Lascia un commento

dicembre 7, 2008 di elettrastamboulis


Lo Spasimo. La solitudine di noi due sotto il cielo. Ti ho guardato da mirino della finestra mentre tu eri piccolo piccolo e nero, dentro tutto quello spazio che era un po’ il mio cuore. S. Maria dello Spasimo si è aperta a noi nel suo abbraccio, dopo che per raggiungerla abbiamo dovuto attraversare la Beirut di Palermo. Case bombardate, e non si fa per dire. Lo Spasimo ci attendeva in silenzio. Come accade per un rito iniziatico prima ci siamo persi nel labirinto di stanze all’ingresso. C’era anche un pianoforte muto, lì abbandonato in una stanza. Poi ci siamo lavati le mani e siamo andati alla toilette. Poi un attimo di smarrimento, quasi un tornare indietro, un’esitazione. Sempre quando c’è una caduta nell’illuminazione, un gradino, qualcosa c’è un momento in cui si vorrebbe tornare indietro, fermarsi a ciò che si è e non conoscere il nuovo. Infine il nome del luogo oppure la nostra cocciuta volontà di salire gradini, ci ha permesso di entrare tra le braccia di questo luogo. Da solo fa merito a questa città così difficile e meravigliosa.  

 

S. Maria dello Spasimo, foto di un autore su flickr

S. Maria dello Spasimo, foto di un autore su flickr

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Blog Stats

  • 37,791 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: