Alcobaça, Portogallo 13 luglio 2006

Lascia un commento

dicembre 20, 2008 di elettrastamboulis


Nella bianca e burgunda chiesa del monastero, sono presenti due sarcofagi, tra i più romantici e candidi che mi sia capitato di vedere, quelli di Dom Pedro e Ines de Castro. 

Lei era una dama di corte della madre di Dom Pedro, proveniva da Castiglia. Lui se ne innamorò follemente, tanto da condividere con lei dopo un temporaneo esilio, letto e cuore. Ma il padre, Dom Afonso, ne ordinò la morte. Nel 1360 Dom Pedro, diventando re, dichiarò sotto giuramento che si era sposato in segreto con Ines. Fu allora costruito il sarcofago sostenuto non da leoni, ma da bestie semiumane, in ricordo della morte violenta della donna. Anche le storie cesellate intorno riprendono vita e morte di Cristo, alludendo alla sventurata avventura umana di questa donna. Mi chiedo che cosa ne fu dei figli di Ines. Entrambi sono tenuti da angeli che tentano di alzarli. Ma la pietra li condanna. Anche se sento che qui vicino all’abside della candida chiesa, si sono placati.

Ho scoperto: ebbe quattro figli, ma la discendenza reale la ottenne dalla 3a moglie, Costanza.

Alcobaça rappresenta la presenza monacale (S. Bernardo di Chiaravalle è legato alla leggendaria fondazione dell’abbazia cistercense, ordine fondato da S. Roberto) strettamente connessa al potere monarchico.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dicembre: 2008
L M M G V S D
« Nov   Feb »
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031  

Blog Stats

  • 37,817 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: