Umberto Dei: l’arte di manutenzione della bicicletta e della narrazione

1

marzo 4, 2009 di elettrastamboulis


cover_dei_corniceMichele Marziani è uno scrittore poliedrico, che si è misurato con la prosa del racconto lungo con “La trota ai tempi di Zorro”: una narrazione tersa e senza sbavature, con gli occhi di un ragazzo in quell’età insidiosa di pericolosa mellifluità che è l’adolescenza, alle prese con la pesca della vita. Un testo che ho molto apprezzato, tanto da adottarlo come libro di lettura per due classi dell’Istituto Professionale maschile in cui insegnavo. Fare leggere un romanzo, seppur breve, a quella tipologia di ragazzi è sicuramente sempre un’impresa audace e rischiosa. Eppure funzionò. Ora Marziani torna alla narrazione in prosa con questo “Umberto Dei”.

E’ una narrazione che va a diesel, come avrebbero detto i miei studenti: parte lenta, senza morti e sangue in prima pagina, senza colpi di stilistica arroganza come in tanta nuova letteratura. Un po’ com’era una volta, quando per conquistare Dostoejevskij bisognava superare le prime 50 – 70 pagine. Qui la magia accade prima, la mole non è quella dei romanzieri russi, ma il procedimento è analogo. Marziani lavora sul dettaglio, sull’attenzione agli oggetti e alle cose, sulla precisione e l’esattezza, per dirla con Calvino, non sulla retorica o la fuliggine della parole in aria. Bisogna far prosa, e prosa sia. La storia c’è e ci conquista in questo racconto di un pezzo di vita di un meccanico di biciclette per scelta di vita, ex bocconiano, convertito alla lentezza e al silenzio.

Per chi non ha mai frequentato un certo tipo di umanità e non è curioso di storie, la vicenda del protagonista potrebbe apparire un po’ irreale o per alcuni tratti inverosimile. A me è sembrata invece quasi un’autobiografia immaginata. Nel senso che di verosimile e reale c’è tutto. C’è nella costruzione psicologica dell’aiutante afgano del meccanico, c’è nel pudore del protagonista nel vivere un amore possibile, c’è nella radicalità della scelta di vita che lui ha operato. Quanti di coloro che in quell’Italia che non c’è più, in cui il cambiamento sembrava possibile, si sono poi ritirati in una vita artigiana, dove hanno recuperato il senso di sé nel ricostruire le cose perse o abbandonate?

L’aspetto generazionale anche qui, come nel precedente romanzo, è una filigrana che scorre veloce, che non giudica, che non costringe in categorie. Qui c’è una storia, che avvolge, come avvolgono le parole di chi ha qualcosa da dire, c’è l’urgenza di narrare, sanza farsi fagogitare dal luogo comune e dallo stereotipo. Già, lo stereotipo, il personaggio muto che ogni tanto osserva le vicende narrate e che distrutto, se ne va un po’ malconcio nel finale della storia.

Unico rischio garantito nella lettura: farsi prendere da un desiderio irrefrenabile di avere una bicicletta Umberto Dei

http://www.michelemarziani.org/appuntidiviaggio/articolo.asp?articolo=248

One thought on “Umberto Dei: l’arte di manutenzione della bicicletta e della narrazione

  1. Elettra, quasi arrossisco:-)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

marzo: 2009
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 37,791 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: