Elogio dell’ebrietà – Endre Ady

2

maggio 15, 2009 di elettrastamboulis


“Per mia curiosità ho voluto provare una volta se avevo abbastanza energie per vivere senza un goccia di alcol per otto o dieci mesi. L’avevo: resistevo magnificamente, ma la mia sensibilità, che è la caratteristica più nobile di un artista e che, salvi i neolatini, si trova in misura cospicua soltanto nelle razze semitiche e forse presso i giapponesi, cominciò ad esaltarsi sino alla follia. La vita ungherese, grigia, colore della polvere, si faceva ancora più grigia e maledetta dinanzi ai miei occhi e la morte avanzava pericolosamente verso di me. Fui più vile, e preferisco ancora vedere la vita, per un quarto d’ora o due, migliore di quella che è, piuttosto che calarmi nell’abisso senza aggrapparmi alla corda di sicurezza dell’ebrietà … L’uomo che fa uso di alcol. del sentimento o della poesia è un acrobata malato e capriccioso, di impulsi capricciosi”. Endre Ady

 

Endre Ady, poeta ungherese

Endre Ady, poeta ungherese

2 thoughts on “Elogio dell’ebrietà – Endre Ady

  1. Marcos scrive:

    oi
    Filipe gave to Bedeteca a copy of Storia di Lisbona… great work!
    but weird is the book doesn’t appear in the official site of the publisher…
    going to Crack?
    beijinhos
    Marcos

  2. […] Elogio dell’ebrietà – Endre Ady […]

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

maggio: 2009
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031

Blog Stats

  • 37,817 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: