Occupazione senza promozione. Lunedì 9 dicembre

1

dicembre 9, 2013 di elettrastamboulis


Cronaca di una giornata di ordinario sfascio democratico

 

In tutta Italia gli studenti in questi giorni stanno occupando le scuole. Non ci sono partiti a guidarli, gli adulti sono spettatori giudicanti: “Ah, non ci sono più gli ideali di una volta”, “è il solito rito di chi non vuole far niente”, “Ma chi gli insegna le regole?”… Queste le frasi che più comunemente rimbalzano. È vero, sono veramente autoconvocati, non diretti da nessuno. Ma non va bene neanche così: ai miei tempi si diceva “siete troppo politicizzati”, ed era una critica. Ora non lo sono abbastanza, ed è una critica. Ci sarà una formula magica che non conosciamo. Anche nella scuola in cui insegno io.

Stamattina assemblea degli studenti, come da legge sui Decreti Delegati, che è stata a loro concessa, ma in due turni (biennio e triennio), in palestra: ovviamente senza microfono perché tanto parlare e farsi ascoltare in un’assemblea non conta. Non c’è bisogno di sottolineare che l’assemblea (degli studenti) è stata aperta dagli interventi della dirigente, che ha apostrofato diversi studenti dicendo “Tu non devi parlare che arrivi sempre in ritardo…”. Ha democraticamente espresso la propria opinione, dicendo che visto che non hanno fatto l’assemblea in due turni, ma in uno solo, avrebbe dato 5 in condotta a chi capeggiava la rivolta. E scordiamoci i viaggi di istruzione: “Che sono un di più”. Non ho ricordi di interventi di docenti o dirigenti quando ero studente: ma certo è stato tempo fa.

Nel frattempo molti colleghi (eravamo in 4 o 5 all’assemblea) segnano tutti assenti: “Non sono passati dalla classe prima di andare all’assemblea!”. Certo, la circolare prevedeva che fossero accompagnati dai docenti alle 8.15. Quindi, anche se erano tutti in palestra, oggi sono tutti assenti. Fantasmi scolastici. Telefonate ai genitori del biennio intanto, “non sappiamo se possiamo garantire la disciplina”. “E poi lo sai chi è tra i favorevoli? Sono i soliti scansafatiche. Lo fanno per fare meno scuola…” Io ho visto un po’ tutti, i bravi e somari ugualmente divisi tra favorevoli e contrari. Ma si citano solo i somari in aula insegnanti. Esco, non posso sentire una generazione di adulti che ha permesso a Berlusconi e ai suoi di governare per 20 anni (e anche adesso mi sembra) pontificare sull’incapacità politica di un sedicenne. “Sono tutti stravaccati per terra! Che scempio…”, ah, le aule sono off limits, ci sono le lavagne LIM, non c’è un’aula magna, e quella che c’è è chiusa c’è l’impianto audio, potrebbe rompersi. Per cui stanno in corridoio: e perché mai non stanno sempre in piedi come i cavalli?

C’è un rumore come di mare, ma si muovono composti, cercano qualche adulto con cui dialogare: “Lei che cosa ne pensa, prof?”.

“Chi va all’occupazione sarà bocciato…gli do un bel 2… non ci penso neanche a votare per la promozione…”, torno a casa e mi ronzano tutte queste frasi nelle orecchie. Ho deciso: oggi pomeriggio mi dedico allo studio del contratto d’istituto: il taglio del fondo per le attività aggiuntive è del 50%. Però bisogna capire, è la crisi. E anche il taglio è democratico. Ma noi siamo più bravi dei nostri studenti.

One thought on “Occupazione senza promozione. Lunedì 9 dicembre

  1. Anonimo scrive:

    Concordiamo pienamente !!!!
    Di Lisa Alfredo e Anna Elisa Barzanti

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

dicembre: 2013
L M M G V S D
« Feb   Gen »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

Blog Stats

  • 37,791 hits
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: